Diversamente “munnezza”

vuilnis_bij_essent_milieu

La “munnezza” che produce il ricco non è la stessa che produce il povero, anzi spesso il povero si avvale della “munnezza” del ricco per produrre la propria. Anche in questo caso si potrebbe dire che io stia parlando di “munnezza differenziata”. Ma quello che voglio affrontare è un argomento un po’ meno “concettuale” e…

Asfaltosamente… Storia di buche e di operai

0EEE643100000578-5435215-image-a-11_1519642887078

Parliamo di manto stradale. Le strade sono la piaga incurabile di innumerevoli realtà cittadine. Il loro stato, per prassi consolidata, non potrà mai ambire ad una definizione migliore di “disastroso”. Ma tant’è, e bisognerà farsene una ragione. O anche no, suggerirei. L’asfalto delle strade cittadine, che sembra fatto di molle, per quanto salta via facilmente,…

W la natura, w la tecnologia! Sottotitolo: faccio l’orto per rilassarmi e vivere naturale.

Orto & Company

“L’orto è bello, ma io non ci vivrei”, direbbe Maurizio Crozza satireggiando il sen. Razzi. L’orto dà un sacco di soddisfazioni. Magari, a conti fatti, è più economico il supermercato, ma vuoi mettere il duro lavoro dei campi, quello che ti rende stanco ma felice, il respirare aria buona, il contatto con la terra, con…

Lottare

300_(film)

Non è la vittoria che conta bensì la tenacia e il coraggio coi quali ci siamo battuti. (Santa Teresa del Bambin Gesù) Lottare in nome dei propri diritti e dei i propri interessi è naturale, come lo è lottare per difendere sé stessi e i propri cari. Lottare invece per difendere un principio, perché non…

Un vuoto incolmabile

vuoto incolmabile

Mi sono svegliato con un pensiero bizzarro che mi frullava per la testa: il vuoto incolmabile. Sai quel vuoto di cui si dice tanto quando viene a mancare qualcuno, che rappresenta un riferimento importante nella tua vita? Beh, proprio quello. Che non è mai così. Il “vuoto incolmabile” o è ipocrita, quando si riferisce a…

La sera, l’autunno.

foglie

Mi piace la sera, perché evoca serenità, pace, tranquillità, e pensieri, ricordi, rimpianti. Mi piace la sera forse perché è la fine del giorno e l’inizio della notte, la fine dell’inizio e l’inizio della fine. Però mi piace anche l’alba, che è il principio, il risveglio, lo sbadiglio della giornata, anch’essa serena, pacata, calma, perché…